Il ruolo del notaio nella compravendita immobiliare

Il ruolo del notaio nella compravendita immobiliare come figura di tutela

Sarà sicuramente capitato a molti di chiederselo quando stanno per acquistare casa: qual è esattamente il ruolo del notaio nella compravendita immobiliare? Perché devo rivolgermi a questo professionista? Cosa significa questa figura? Domande legittime e anzi doverose, cui è altrettanto doveroso dare una risposta chiara e che sgomberi il campo da ogni dubbio.
Innanzitutto forse non tutti sanno che si tratta di un pubblico ufficiale: il primo e fondamentale ruolo del notaio è dunque accertarsi che quanto passa sotto i suoi occhi si svolga nella più assoluta legalità e che gli atti che redige e che vengono sottoscritti in sua presenza siano inattaccabili nel tempo. Il secondo ruolo del notaio è quello di sostituto d’imposta: in altre parole, si occupa di riscuotere le tasse dovute e di versarle a nostro nome. Il terzo ruolo del notaio è quello di garanzia nel corso degli anni: si premurerà infatti di registrare correttamente gli atti e di conservarli nel tempo, così che siano sempre rintracciabili. Ancora, il quarto ruolo del notaio è quello di consulenza: possiamo rivolgerci a questa figura per conoscere senza ombra di dubbio quali siano le possibilità che abbiamo davanti nel nostro caso specifico, naturalmente sempre rimanendo nell’alveo della legge e ricordandoci che si tratta di una figura super partes, che quindi non favorirà noi a scapito della nostra controparte.

Ruolo del notaio e compravendita immobiliare: qualche esempio
I ruoli del notaio sopra esposti sono tutti ugualmente importanti e concorrono a definire questa figura, ma quello che ci interessa approfondire qui è il ruolo del notaio come tutela del compratore. D’altra parte, è proprio per questo che lo Stato Italiano ha previsto l’istituzione di questo pubblico ufficiale: per tutelare i cittadini nel corso di operazioni economicamente e socialmente rilevanti.
Come si esplica questo ruolo del notaio come figura di tutela nel caso di compravendite immobiliari? Immaginiamo ad esempio di aver trovato la casa che fa al caso nostro, il proprietario ci ha consegnato le carte in suo possesso e anche noi ci siamo tutelati facendo i nostri controlli. Passato qualche anno, salta fuori un diritto di terze persone sul bene acquistato: può essere un diritto di passo, una suddivisione mai correttamente accatastata o registrata o un altro problema che può influire pesantemente sul valore o sulla disponibilità della casa che abbiamo comprato. Ebbene, il ruolo del notaio in questo caso è proprio quello di accertarsi che questo non avvenga, assicurandosi che non vi siano diritti di terzi sui beni oggetto di compravendita immobiliare. Lo stesso dicasi per la sussistenza di eventuali ipoteche o altri vincoli sull’immobile, che è facile comprendere come siano dati di rilievo.
Ancora, per meglio comprendere il ruolo del notaio nelle compravendite immobiliari, proviamo a immaginare di aver comprato una casa con veranda e box, per poi scoprire che la bella veranda in cui organizziamo i pranzi di famiglia è abusiva, o che lo sono i box (per non parlare naturalmente del caso in cui a essere abusivo sia l’intero stabile). Anche in questo caso un bel problema, che non è detto sia risolvibile facilmente: il ruolo del notaio, anche qui, è verificare che tutte le parti dell’immobile siano in regola, così da evitarci brutte sorprese.